Ricorsi SSM 2019. Primi Accoglimenti del Consiglio di Stato sui Ricorsi dello Studio Legale Pellegrini Quarantotti in periodo di emergenza sanitaria

Ricorsi SSM 2019. Primi Accoglimenti del Consiglio di Stato sui Ricorsi dello Studio Legale Pellegrini Quarantotti in periodo di emergenza sanitaria

16 marzo 2020

Anche per la tornata concorsuale 2019 (come per gli anni scorsi), lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti si conferma il primo Studio in Italia ad ottenere il diritto alla immatricolazione alla scuola di specializzazione prescelta, in favore dei propri assistiti.

Proprio in concomitanza con l’emergenza sanitaria da Coronavirus, il Consiglio di Stato ha accolto i primi appelli sui ricorsi patrocinati dall’Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti, relativi al Concorso SSM 2019.

Infatti, la Sezione VI del Consiglio di Stato, con plurimi pronunciamenti, ha recepito integralmente le istanze formulate dall’Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti, il quale aveva documentato – giusti atti ufficiali delle Università – la sussistenza quasi 300 borse non assegnate e/o perse, nonché invocato ragioni di eccezionale gravità ed urgenza, preordinate al migliore funzionamento del SSN, anche per far fronte alle esigenze straordinarie ed urgenti derivanti dalla diffusione del COVID-19 e garantire i livelli essenziali di assistenza.

Tali provvedimenti sono immediatamente esecutivi e consentiranno ai ricorrenti destinatari di tali provvedimenti l’immatricolazione alle scuole di specializzazione prescelte.

Immissione di personale medico utile alla lotta dell’epidemia

L’Avv. Pellegrini Quarantotti rileva che “la materia del contendere risulta essere di drammatica attualità in questo periodo di emergenza sanitaria,ove, da più parti, si lamenta proprio una carenza di personale medico, con richiesta di maggiori specializzandi o chiamata in servizio di medici pensionati. Il Consiglio di Stato ha compreso come sia indispensabile andare a coprire tutte le borse di cui al (già inadeguato) contingente bandito. Anche quest’anno, infatti, nonostante il sistema dello scaglione straordinario, sono andate perse e rimaste vacanti oltre 300 borse, circostanza che abbiamo documentato con attestazioni ufficiali delle Università. E’ un fatto gravissimo rispetto alla emergenza sanitaria in atto. La soddisfazione, per questi provvedimenti, è, quindi, duplice: da un lato, avere consentito ai medici da me assistiti di potere vedere soddisfatta la propria domanda di formazione professionale; dall’altra avere contribuito, seppure in minima parte, ad un migliore funzionamento del SSN con immissione di personale medico specializzando, utile alla lotta dell’epidemia. A questo punto, auspico che anche i ricorsi in discussione nelle prossime settimane possano andare verso il medesimo esito”.

Info sui ricorsi

Per richiedere maggiori INFORMAZIONI sulla possibilità di procedere con un RICORSO avverso il mancato accesso alla Scuola di Specializzazione (ancora nei termini, vista la mancata chiusura della graduatoria) clicca qui compilando l’apposito form.

Archivio news

 

Categorie

News dello studio

ott8

08/10/2020

Bufera sul concorso Specializzazioni Mediche 2020: il MIUR non pubblica la graduatoria e ammette la presenza di domande sbagliate

Bufera sul concorso Specializzazioni Mediche 2020: il MIUR non pubblica la graduatoria e ammette la presenza di domande sbagliate

in Specializzazioni Mediche

Nelle ultime ore sono emerse gravissime criticità in merito alla regolarità del Concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione medica 2020 (Concorso SSM 2020), svoltosi lo

ott1

01/10/2020

Ammissione Medicina 2020: news e info per il ricorso al test

Ammissione Medicina 2020: news e info per il ricorso al test

in Ricorsi Medicina

Il 29 settembre scorso sono state pubblicate le graduatorie relative al concorso per l’accesso a medicina ed odontoiatria. L’Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti – in una recentissima

set26

26/09/2020

Immatricolazioni al secondo anno di Medicina senza test: sì della giustizia amministrativa

in Informazioni

Si sta sempre più consolidando l’orientamento della giurisprudenza amministrativa riguardo le iscrizioni al secondo anno di medicina (ma anche di odontoiatria dei corsi di laurea delle professioni