Medico Chirurgo demansionato dall’ospedale e dall’azienda sanitaria. Ottenuto risarcimento del danno.

Medico Chirurgo demansionato dall’ospedale e dall’azienda sanitaria. Ottenuto risarcimento del danno.

11 marzo 2019

Il Tribunale di Brescia, Sezione Lavoro, su una vicenda di demansionamento a danno di un medico specializzato in chirurgia generale – rappresentato e difeso dall’Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti – ha accertato l’illegittimità dell’agire del datore di lavoro Azienda Sanitaria e l’ha condannata al risarcimento del danno.

In particolare, il Tribunale ha accertato che il medico ricorrente, per circa un anno, aveva visto sostanzialmente svuotate le sue mansioni, con privazione dei compiti maggiormente caratterizzanti la sua qualifica di dirigente medico di chirurgia, avendo subito una riduzione di oltre i ¾ della sua attività di sala operatoria.

Il Giudice ha, quindi, ritenuto che l’Azienda Sanitaria avesse violato “l’art. 52 del D. Lgs. 165/2001, avendo quasi del tutto sottratto alla ricorrente i compiti maggiormente qualificanti del suo ruolo e quindi pregiudicato il suo diritto fondamentale alla esplicazione della personalità nel luogo di lavoro, costituendo il lavoro, prima ancora che un mezzo di sostentamento e guadagno, un modo di estrinsecazione della personalità del lavoratore ai sensi degli artt. 2 comma 1, 4 comma 1 e 35 comma 1 Costituzione”.

Prosegue la sentenza: “La violazione del diritto alla professionalità della ricorrente, diritto di rilevanza costituzionale, costituisce fonte di responsabilità risarcitoria per il datore di lavoro, in conformità alle regole generali sull'inadempimento delle obbligazioni. I danni - conseguenza che vengono in considerazione altro non sono che pregiudizi attinenti allo svolgimento della vita professionale del lavoratore, e, quindi, danni di tipo esistenziale, ammessi a risarcimento proprio in virtù della lesione di un diritto inviolabile e, quindi, di una ingiustizia costituzionalmente qualificataLa forzata inattività incide in maniera particolarmente pregiudizievole, determinando un danno derivante dall’impoverimento della capacità professionale acquisita e dalla mancata acquisizione di ulteriori capacità, nel caso di professioni soggette a continua evoluzione e bisognose di costanti aggiornamenti”.

Il Tribunale ha, quindi, liquidato il danno subito dalla ricorrente, in via equitativa, tenuto conto della durata del demansionamento e della delicatezza e complessità delle mansioni svolte, determinandolo in una somma pari al 50% della retribuzione mensile, moltiplicata per i mesi di durata dell’attività lesiva.

Trattasi di un pronunciamento importante in materia di diritto sanitario e di fattispecie giuslavoristica di interesse del personale medico e, quindi, fonte di soddisfazione per lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti.

Per informazioni e/o contatti con lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti è possibile inviare una email, con i propri recapiti, a segreteria@studiolegalepellegriniquarantotti.it

Archivio news

 

Categorie

News dello studio

ott8

08/10/2020

Bufera sul concorso Specializzazioni Mediche 2020: il MIUR non pubblica la graduatoria e ammette la presenza di domande sbagliate

Bufera sul concorso Specializzazioni Mediche 2020: il MIUR non pubblica la graduatoria e ammette la presenza di domande sbagliate

in Specializzazioni Mediche

Nelle ultime ore sono emerse gravissime criticità in merito alla regolarità del Concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione medica 2020 (Concorso SSM 2020), svoltosi lo

ott1

01/10/2020

Ammissione Medicina 2020: news e info per il ricorso al test

Ammissione Medicina 2020: news e info per il ricorso al test

in Ricorsi Medicina

Il 29 settembre scorso sono state pubblicate le graduatorie relative al concorso per l’accesso a medicina ed odontoiatria. L’Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti – in una recentissima

set26

26/09/2020

Immatricolazioni al secondo anno di Medicina senza test: sì della giustizia amministrativa

in Informazioni

Si sta sempre più consolidando l’orientamento della giurisprudenza amministrativa riguardo le iscrizioni al secondo anno di medicina (ma anche di odontoiatria dei corsi di laurea delle professioni