Medicina, Odontoiatria e Professioni Sanitarie: immatricolazioni senza test ad anno successivo al primo

Medicina, Odontoiatria e Professioni Sanitarie: immatricolazioni senza test ad anno successivo al primo

20 settembre 2019

La giurisprudenza amministrativa degli ultimi tempi – anche su contenziosi patrocinati dallo Studio Legale Pellegrini Quarantotti – ha ormai riconosciuto la possibilità per gli studenti universitari iscritti o addirittura laureati in corsi affini a medicina di potersi immatricolare ad anno successivo al primo di tale corso di laurea, senza passare per la prova di ammissione.

L’obbligatorietà di sostenere la prova di ammissione è, infatti, prevista dalla legge soltanto per coloro che intendono immatricolarsi al primo anno, al fine di verificare l’attitudine degli aspiranti al relativo ciclo di studi; mentre per coloro che chiedono l’immatricolazione ad anni successivi al primo – perché già in possesso di un determinato numero di crediti formativi, quali iscritti o laureati in altro corso affine – è da escludere l’obbligatorietà di sostenere il test di accesso, dato che tale prova è necessaria al fine di verificare l’attitudine degli aspiranti al relativo ciclo di studi, ma tale attitudine può considerarsi già desumibile dai titoli di studi e dal curriculum di chi è già immatricolato ad altro corso di laurea, per l’appunto affine.

In particolare, per gli studenti di odontoiatria, veterinaria, chimica, farmacia, biologia, scienze biologiche, biotecnologie della salute, biotecnologie mediche e farmaceutiche, molecolare e industriale, fisioterapia, professioni sanitarie, chimica e tecnologia farmaceutica, è possibile formulare istanza di iscrizione a medicina e chirurgia sulla base di esami e/o parte di essi affini ed in ragione di un determinato numero di crediti formativi maturati.

Requisito ulteriore per agire in tal senso è che l’Ateneo di interesse abbia disponibilità di posti ad anno successivo al primo (annualmente le Università bandiscono un determinato contingente posti per tali iscrizioni ad anni successivi).

In caso di diniego di accoglimento di tale istanza, sarà possibile promuovere un impugnativa al Giudice Amministrativo, che già in molti casi – come detto – ha riconosciuto la legittimità dell’immatricolazione ad anno successivo al primo di medicina senza espletamento del test, per chi proviene da corso affine ed in possesso di CFU riconoscibili.

Lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti – in ragione della decennale esperienza maturata nel contenzioso per l’accesso alle facoltà universitarie e numero chiuso – è in grado di offrire una dettagliata consulenza sull’argomento e vagliare la fattibilità di un tale percorso.

In caso di interesse ad intraprendere tale procedura è possibile inviare una email, con i propri recapiti, a segreteria@studiolegalepellegriniquarantotti.it inserendo come oggetto: “Richiesta iscrizione ad anno successivo al primo”.

Archivio news

 

Categorie

News dello studio

set7

07/09/2021

Test Medicina 2021: quesiti errati e altre criticità. Richiedi informazioni sul ricorso

Test Medicina 2021: quesiti errati e altre criticità. Richiedi informazioni sul ricorso

in Test Numero Chiuso

Il giorno 3 settembre scorso si è svolta la prova di accesso ai corsi di laurea in medicina e chirurgia e odontoiatria e protesi dentaria. Lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti, punto di riferimento

set3

03/09/2021

Ricorsi test facoltà a numero chiuso 2021: informativa dello Studio Legale Pellegrini Quarantotti

Ricorsi test facoltà a numero chiuso 2021: informativa dello Studio Legale Pellegrini Quarantotti

in Ricorsi Medicina

I primi giorni del mese di settembre 2021 si sono svolti i test di accesso per i corsi di laurea a numero chiuso in ambito sanitario. Anche per l’anno accademico 2021/2022, sussistono importanti

apr26

26/04/2021

Ricorsi SSM 2020: Il Consiglio di Stato accoglie i ricorsi di oltre 40 medici per l’accesso alle borse vacanti (c.d. “non intonse”)

Ricorsi SSM 2020: Il Consiglio di Stato accoglie i ricorsi di oltre 40 medici per l’accesso alle borse vacanti (c.d. “non intonse”)

in Ricorsi Accolti

All’esito della Camera di Consiglio, tenutasi in data 15 aprile, dinanzi al Consiglio di Stato, sono stati emesse ordinanze cautelari di accoglimento per oltre 40 medici – patrocinati dallo