Concorso Specializzazioni Medicina 2018

È possibile presentare ricorso per il Concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina 2018 sulla base di una serie di criticità confermate dal Consiglio di Stato per il Concorso 2017, con provvedimenti di accoglimento delle istanze di ammissione alle scuole di specializzazione per i medici che hanno proposto ricorso con lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti.

La prova di ammissione del Concorso SSM 2017/2018 si è svolta il 17 luglio 2018, anche quest'anno e come l’anno passato, sulla base di un nuovo Regolamento (Decreto del M.I.U.R. del 10 agosto 2017, n. 130), così come recepite dal successivo Bando di Concorso (Decreto del M.I.U.R. 29 settembre 2017, n. 720).

I profili di illegittimità del Concorso Specializzazioni Medicina

- Illegittima determinazione del contingente di posti assegnati alle scuole di specializzazione in medicina per l’a.a. 2017/2018, in misura di gran lunga inferiore rispetto al maggiore fabbisogno di medici specialisti stabilito dall’Accordo Stato – Regioni.

In particolare, l’Accordo, ai sensi dell’articolo 4, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano sul documento recante “Determinazione del fabbisogno di medici specialisti da formare per il triennio accademico 2017 – 2020”, ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, prevede un fabbisogno complessivo, per l’anno accademico 2017/2018 di n. 8.569 unità il fabbisogno di medici specialisti da formare nelle scuole di specializzazione di area sanitaria.

Tuttavia, nonostante le anzidette indicazioni (in merito al contingente da bandire), il M.I.U.R. ha provveduto a stabilire l’attivazione di soli n. 6.200 contratti di formazione medica specialistica per l’a.a. 2017/2018, in misura di gran lunga inferiore rispetto al maggiore fabbisogno stabilito, con uno scostamento di ben 2.369 contratti.

Pertanto, la determinazione del contingente di posti messi a bando per l’a.a. 2017/2018 è errata ed illegittima, perché inferiore – e ciò risulta documentalmente – al fabbisogno di medici specialisti da formare, così come individuato secondo le procedure di cui all’art. 35 del Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 368.

Con il ricorso, quindi, verrà richiesta l’ammissione alla Scuola di Specializzazione di interesse del ricorrente a copertura dei posti di cui al fabbisogno del SSN indebitamente ridotto (di fatto, quindi, nemmeno si tratterebbe di un “sovrannumero”).

Su tale questione il Consiglio di Stato, riguardo il Concorso SSM 2017, ha ritenuto meritevole di considerazione tale censura relativa alla violazione del numero di contratti di cui all’Accordo Stato Regioni (a questo link ordinanza cautelare).

- Illegittimità dei criteri di selezione disciplinato dal Regolamento (Decreto del M.I.U.R. del 10 agosto 2017, n. 130), così come recepiti dal Bando di Concorso (Decreto del M.I.U.R. 17 maggio 2018, n. 1208).

In particolare, le modalità di svolgimento del concorso SSM 2018, introdotte per la prima volta in occasione della precedente selezione, presentano diversi profili di illegittimità, peraltro sollevati anche dal Consiglio di Stato, con pareri resi in sede Consultiva (vedi qui il parere del Consiglio di Stato).

Più precisamente, una prova di esame unica e di carattere “generale”, non più riferita dunque a ciascuna tipologia di scuola di specializzazione, con scelta preferenziale della scuola da parte del candidato collocata solo ex post, dopo lo svolgimento della prova, determina uno sviamento dall’obiettivo della “specializzazione” posto dalla suindicata fonte normativa di riferimento (decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368).

- Erroneità, ambiguità o, comunque, inesattezza del contenuto di alcune domande oggetto della prova.

In particolare, risulta essere errata la domanda n. 96 (codice domanda 146604).

Di conseguenza, chi ha risposto sbagliato o non ha risposto a tale quesito ed ha un punteggio prossimo agli ultimi ammessi può richiedere di vedersi riassegnato “virtualmente” il maggiore punteggio di cui predetto quesito e, conseguentemente, l’iscrizione alla Scuola prescelta.

- Probabile mancata copertura di tutti i posti disponibili per il contingente 2017/2018.

La circostanza che non tutti i candidati, in posizione utile alla data di chiusura della graduatoria, abbiano confermato l'immatricolazione nei termini previsti dal bando, con conseguente decadenza dall’immatricolazione e/o, comunque, abbiano rinunciato alla stessa, determinerà, inevitabilmente – come accaduto nei precedenti concorsi – la mancata copertura di tutti i posti disponibili ed il permanere di posti vacanti.

Tale motivo ha portato all’accoglimento dei ricorsi presentati dallo Studio Legale Pellegrini Quarantotti, anche per il Concorso 2017 (a questo link ordinanza cautelare).

 

Ricorso Concorso Specializzazioni Mediche 2018

Lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti, che vanta una specifica e consolidata esperienza nel contenzioso dinanzi alla Giustizia Amministrativa, con particolare riguardo alla materia sanitaria ed alle impugnative di concorsi pubblici, si è occupato, negli anni scorsi, di patrocinare ricorsi per il concorso delle specializzazioni mediche.

Per il Concorso Specializzazioni Mediche 2018, lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti provvederà a promuovere ricorsi al T.A.R. in forma individuale (i ricorsi collettivi presentano margini di accoglimento inferiori, nonché rischi di improcedibilità per possibili posizioni conflittuali tra i ricorrenti).

Con il ricorso verrà richiesta l’ammissione alla Scuola di Specializzazione di interesse del singolo ricorrente, chiedendo l’attribuzione di uno dei posti di cui al maggiore fabbisogno di medici specialisti stabilito dall’Accordo Stato – Regioni (che prevede ben 2.369 contratti in più rispetto a quelli banditi).

Per richiedere maggiori informazioni sulla possibilità di procedere con un ricorso avverso il mancato accesso alla Scuola di Specializzazione è possibile inviare una email, con i propri recapiti a segreteria@studiolegalepellegriniquarantotti.it o, in alternativa, cliccando qui compilando l’apposito form.

 

Ricorsi accolti nel 2017

Con riferimento ai ricorsi ai Concorsi di Specializzazioni Mediche del 2017, il Consiglio di Stato ha emesso diverse favorevoli ordinanze cautelari per i medici che hanno proposto ricorso con lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti.

Nel dettaglio, l'Avv. Cristiano Pellegrini Quarantotti è stato il primo legale in Italia ad avere ottenuto provvedimenti favorevoli di ammissione alla scuola di specializzazione.

Cliccando a questo link è visionabile uno dei provvedimenti favorevoli del Consiglio di Stato. Per saperne di più, leggi qui.

 

Categorie

News dello studio

set4

04/09/2018

Ricorsi test facoltà numero chiuso 2018: anche quest'anno ci sono criticità

Ricorsi test facoltà numero chiuso 2018: anche quest'anno ci sono criticità

in Test Numero Chiuso

Il 4 settembre si sono svolti i testi di accesso per i corsi di laurea in medicina e chirurgia ed odontoiatria e protesi dentaria. Anche per l’anno accademico 2018/2019, sussistono i medesimi

ago28

28/08/2018

Ricorso Concorso Specializzazioni Mediche 2018

Ricorso Concorso Specializzazioni Mediche 2018

in Specializzazioni Mediche

Lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti si sta occupando di presentare ricorsi per il concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina 2018 (Concorso SSM 2018), in ragione delle

giu29

29/06/2018

Ricorsi medicina 2017/2018. Aggiornamento sui ricorsi accolti.

Ricorsi medicina 2017/2018. Aggiornamento sui ricorsi accolti.

in Ricorsi Medicina

Con riferimento ai ricorsi per l'accesso a medicina, odontoiatria e veterinaria 2017/2018, lo Studio Legale Pellegrini Quarantotti ritiene utile fornire un aggiornamento sulla situazione dei propri ricorsi